chiudi/apri

Strada dei Formaggi

delle Dolomiti Fassa, Fiemme, Primiero

Un viaggio in tutti i sensi.

Sono luoghi da leggenda, questi, incastonati fra le Dolomiti: territorio di grandi contrasti e incredibili paesaggi, di guglie rocciose, fitte foreste e larghi prati. La Strada dei Formaggi delle Dolomiti che interessa le Valli di Fassa, Fiemme e Primiero segna un tracciato nel cuore vero del Trentino facendo slalom, come in un’ardita discesa con gli sci, fra le più belle caratteristiche di questa terra.

Protagonisti dell’iniziativa 72 aderenti che, attraverso l’osservanza di alcuni standard quaIitativi, si i mpegnano a valorizzare i prodotti caseari e altri prodotti di nicchia che trovano origine nel territorio.

Un viaggio nella Strada dei Formaggi delle Dolomiti non è solo un viaggio nel gusto, ma un percorso, nello spazio e nel tempo, attraverso i sensi.

Conosciamo così l’elegante Vai di Fassa, culla del patrimonio storico e culturale ladino, con formaggi come lo Spretz Tsaorì, meglio noto come il Puzzone di Moena, ma anche come il saporito Nostrano di Fassa prodotto a Campitello.

La vicina Val di Fiemme, terra della Magnifica Comunità di Fiemme, narra invece la storia e la tradizione di noti formaggi come il Dolomiti, il Fontàl, il Vaifiemme, rinomati come le ricotte di capra, ma soprattutto come il famoso Caprino di Cavalese da assaporare, dulcis in fundo, con l’ottimo miele di queste valli. Percorrendo l’ascesa verso il Passo Rolle ci si trova in poco tempo immersi nel Parco Naturale di Paneveggio - Pale di San Martino, dove la natura ci racconta la sua storia attraverso un ricco programma di iniziative per grandi e piccini. Attraversando poi il Passo Rolle si arriva nel Primiero: nei Nostrani, nelle ricotte fresche e affumicate, nella Tosèla e perfino nel burro c’è tutto il sapore delle malghe di montagna e di luoghi ancora incontaminati come la vicina Valle del Vanoi.

Un viaggio attraverso le emozioni che nascono dall’incontro tra la vostra storia e quella di queste magnifiche terre da gustare lentamente, in ogni tempo e luogo, per scoprire alla fine che forse questo è solo l’inizio.